Ciao amico…sei pronto? Oggi voglio consigliarti 3 libri thriller che non dimenticherai facilmente.

1) Il dovere di uccidere” di Simon Kernick.

La storia rocambolesca ed adrenalinica di Dennis Milne, un ispettore di polizia londinese che si trova coinvolto in affari poco puliti…soprattutto perché egli stesso svolge un’attività criminale di non poco conto, è infatti un killer a pagamento! Come finirà la sua avventura? Riuscirà a non farsi arrestare o uccidere? Leggi questo libro e non te ne pentirai assolutamente se cerchi azione, ritmo e dialoghi realistici, credibili. Uno stile narrativo elegante ed al contempo “da strada”, finalmente niente più “Rambo” o super agenti con stili coatti…ma persone umane, storie urbane di crimine in stile “Heat-La sfida”, un’atmosfera noir di grande effetto.

Se vuoi entrare dentro un brivido poliziesco di notevole fattura…sai cosa devi leggere adesso.

2) Nessuna scelta” di Tom Wood

In questo caso invece, il confine della Giustizia è ampiamente e palesemente superato. Il nostro protagonista sarà infatti un vero e professionale killer. Il suo nome? Victor. È davvero il suo nome? Le sue identità non si contano. È affidabile? La sua letalità è ormai leggenda. Chi lo assolda sa bene 3 cose: è molto costoso, raggiungerà l’obbiettivo, non bisogna tentare di fregarlo. Nel libro di questo originale autore inglese- Tom Wood- che voglio oggi consigliarvi, Victor dovrà tentare di uccidere Milan Rados, un pericolosissimo ex comandante serbo diventato il capo di una rete criminale a Belgrado…ma non solo. Dovrà infatti anche difendersi da un’agenzia d’intelligence che gli sta alle costole…Decisamente un avventura adrenalinica, dai ritmi serrati e dall’azione pura! Un ottimo libro thriller, con scene e situazioni credibili e dialoghi stupendi. A tratti vi è una tensione che fa rimanere letteralmente incollati, capitolo dopo capitolo, alla storia…

Consigliatissimo! E mi raccomando…tieni sempre il colpo in canna, perché il nemico può essere più vicino di quello che immagini!

 3) I dodici segni” di Lee Child

Jack Reacher è come la signora Fletcher, dove c’è lui c’è gente morta ammazzata e caos. Scherzi a parte, accade proprio così ogni volta e così piace la cosa ai lettori di Lee Child, nonché appassionati delle avventure del suo personaggio. Nel libro che voglio consigliarvi oggi, “I dodici segni” sono stato piacevolmente sorpreso. Di solito le avventure di Lee Child, seguono binari prestabiliti e con la giusta buona dose di azione-indagine-scontri routinaria nel caso di Child, si viene accompagnati alla fine con leggerezza e intrigo in dissoluzione. Invece con questo libro, si parte immediatamente in quarta, si rimane sbalorditi e confusi dagli eventi apparentemente sempre più strani, il ritmo è incalzante nella sua indagine, niente colpi di fortuna per il protagonista, niente scene da coatto, tutto va ad incastrarsi (con azioni coraggiose e vari colpi di scena) come un puzzle da 1000 pezzi, un elemento alla volta e noi lì dietro a cercare di capire che forma assumano tutti gli elementi…Un notevole lavoro di scrittura che esalta gli appassionati di buoni thriller (sembra che nello specifico in questo caso, Lee Child si sia andato a rileggere qualche libro di Mickey Spillane…ne parleremo magari un’altra volta…) e di azione ambientata in un contesto moderno. La storia di un kamikaze, di una morte tragica, di una sfida feroce e potente per Jack Reacher, forse la sua più difficile.

Leggi questo libro se ami farti coinvolgere in una lettura che sia un crescendo adrenalinico…riuscirai a combattere con coraggio il nemico finale?

  Grazie per la lettura! Fammi sapere se poi sei stato felice della lettura che ti ho consigliato!

PS (Per supportarmi, acquista i libri dai link che ho messo sotto le copertine. In questo modo, mi sostieni nel lavoro appassionato che faccio con le migliori letture da fare!)